FacebookTwitter
AVVISI: Benvenuto nel sito dell'IRIAD ~ Seguici anche sui nostri profili social

Algeria

L’Algeria confina a nord-ovest con il Marocco e il Sahara Occidentale, a sud-ovest con il Mali e la Mauritania, a sud-est con il Niger, a est con la Libia e a nord-est con la Tunisia. A nord si affaccia sul Mar Mediterraneo e la fascia costiera è molto fertile. La parte meridionale, invece, è desertica (Sahara), mentre quella centrale è caratterizzata dai rilievi della catena montuosa dell'Atlante. 

Nel sud il rapido processo di desertificazione costituisce uno dei maggiori problemi del Paese se si considera che sta subendo una pesante erosione idrica. L’Algeria ha un territorio estremamente sismico ed è stato devastato da un violento terremoto nel maggio 2003, costato la vita a circa 2.300 persone: una disgrazia che deve le sue dimensioni anche alle drammatiche condizioni abitative del territorio e alla lentezza dei soccorsi.

Sebbene rappresenti un settimo della superficie del paese, il Maghreb è la parte più vitale, importante e popolata dell’Algeria. Appartiene all’area climatica mediterranea, ma al suo interno la continentalità fa sentire i suoi effetti, con forti escursioni termiche. I confini del paese includono anche un’ampia parte del Sahara, a differenza del periodo coloniale, durante il quale quest'ultima aveva una sua particolare amministrazione. Qui il clima è estremamente arido e le escursioni termiche sono fortissime, anche quelle giornaliere.

Il sostrato etnico dell’Algeria è il berbero, fortemente mutato in seguito all’incontro con le popolazioni arabe.

Dal punto di vista economico, l’Algeria è uno dei paesi più dinamici del continente africano. L’agricoltura, fortemente influenzata dalle necessità francesi del periodo coloniale, si sta lentamente slegando dalla ex madrepatria verso le esigenze alimentari interne.

Il Paese è ricco di risorse naturali: gas, zinco, uranio. La fonte di ricchezza principale è il petrolio, tanto che il governo ha fatto della riforma del settore la sua priorità, attraverso una maggiore apertura alle aziende straniere. Possiede una rete efficiente che collega i pozzi alle raffinerie fino alla costa. 

 

Continua a leggere>>>

 

I contenuti di questo sito, ad eccezione dei "Comunicati stampa", non riflettono necessariamente posizioni ufficiali presenti o passate dell'IRIAD.

APPUNTAMENTI

Novembre 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
17:00
sala della protomoteca in Campidoglio, Roma, Italia
Data :  09 11 2017
11
12
13
14
15
10:00
Aula Magna ITET "Carducci-Galilei", Fermo, Fermo, Italia
Data :  15 11 2017
16
17
18
19
20
21
22
23
24
18:00
Scuderie estensi, Tivoli, 00019, Tivoli, Italia
Data :  24 11 2017
25
26
27
28
29
30

VETRINETTA

Area riservata



Link utili                                       

Ministero degli Affari Esteri
Ministero della Difesa
Sicurezza della Repubblica
Nazioni Unite
NATO

Instagram

Utilizziamo cookie e tecnologie analoghe, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza sul nostro sito. Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione, senza negare il consenso, approvi l’uso dei cookie.