FacebookTwitter
Benvenuto nel sito dell'IRIAD ~ Seguici anche sui nostri profili social

La satira dissacrante: causa o pretesto per il terrorismo?

Meglio della Befana, quanto accaduto il 7 gennaio 2015 ha “spazzato” lo spirito delle festività natalizie, lasciando il posto a sentimenti collettivi diametralmente opposti: tristezza, paura e rabbia.

Quel giorno due uomini franco-algerini, mascherati e armati di kalašnikov, hanno compiuto una strage nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo. Braccati dalla polizia, sono stati uccisi durante un conflitto a fuoco in una tipografia fuori Parigi, mentre un loro complice, dopo aver ucciso una poliziotta, assassinava altri quattro ostaggi all'interno di un supermarket. Anche, quest’ultimo, poi, ha perso la vita durante l’irruzione delle forze speciali francesi.

Si tratta dell’attentato più feroce compiuto in Francia dopo quello del 1961, ai tempi della guerra di Algeria. Il bilancio finale è di diciassette morti, oltre agli attentatori, e una dozzina di feriti.

Da tutta Europa, giustamente, si è levato un coro di condanna e di solidarietà al grido “Io sono Charlie”, che esalta il coraggio del giornale satirico e lo eleva a vessillo delle libertà democratiche. All’inverso, non è mancato chi, seppur senza giustificare la violenza, ha criticato le sue modalità di espressione affermando la necessità di rispettare il credo altrui. “Io non sono Charlie” è lo slogan dei secondi. Sia dagli uni sia dagli altri, l’attentato è stato interpretato come un attacco alla libertà di espressione occidentale, un monito a rispettare la religione musulmana e la figura del Profeta.

Secondo l’immaginario collettivo, dunque, Charlie Hebdo è stato la causa scatenante dell’attentato.

Tuttavia, quando si parla di terrorismo in generale, e di terrorismo di matrice islamica in particolare, è necessario riflettere approfonditamente e porsi una serie di domande accurate: nei militanti la volontà di attaccare nasce da motivazioni complesse o dalla semplice indignazione?

E ancora: è davvero plausibile pensare che un individuo razionale, a prescindere dalla sua religione o estrazione politico-culturale, possa utilizzare la forza armata per porre fine a un evento lesivo della sua dignità, senza prima accennare a una protesta pacifica? Possiamo davvero pensare che le organizzazioni terroristiche agiscano in base alla loro suscettibilità?

Di sicuro Charlie Hebdo con le sue vignette dissacranti al limite della tolleranza religiosa ha fornito su un vassoio d’argento il pretesto per l’attacco, ma non ne costituisce la genesi. Questo per un semplice motivo: le organizzazioni terroristiche agiscono secondo logiche razionali. I maggiori esperti in  materia  definiscono il terrorismo non come un’ideologia, che reagisce di fronte alle provocazioni, bensì come una tecnica di conflitto utilizzata da gruppi organizzati con un nome, una storia, una leadership, una struttura, un metodo e uno scopo ben definito e per lo più legato a rivendicazioni territoriali.

Al contrario, pensare che i fatti di Parigi siano il risultato di qualche tratto di matita, per quanto dissacrante, equivale a considerarli l’opera improvvisata e solitaria di alcuni fanatici squilibrati. Ma non possiamo permetterci questa ingenuità, perché altrimenti non avrebbe senso parlare di terrorismo, in quanto mancherebbe un suo elemento costitutivo (ossia l’esistenza di un gruppo organizzato).

La ricostruzione della fedina penale degli attentatori (già coinvolti in altri episodi di terrorismo) e dei loro spostamenti tra Europa e Medio Oriente dimostrerebbe un ruolo e una intenzione ben definiti: quello di soggetti addestrati disposti ad effettuare un attentato con il supporto logistico ed economico dei movimenti integralisti islamici. Lo confermerebbero anche le dichiarazioni di Al Qaeda nello Yemen (Aqpa). Perciò, con tutta probabilità, avremmo assistito in ogni caso ad episodi di violenza, magari altrove, e la storia non sarebbe mutata. Certo non potremo mai saperlo con assoluta certezza, ma è un’eventualità da tenere in considerazione.

Tutto ciò, però, sembra essere ignorato dall’opinione pubblica e dalla classe politica occidentale, concentrate piuttosto, oltre che sulla sacrosanta condanna dei fatti, sulla rivendicazione della propria libertà di espressione e del proprio diritto di blasfemia. Quest’ultimo sforzo, però, nel caso specifico appare piuttosto superfluo. Basti immaginare che se i terroristi avessero colpito un istituto religioso, oggi si rivendicherebbe indifferentemente la libertà di culto.

E’ necessario rendersi conto che le cellule terroristiche dislocate nei territori occidentali agiscono certamente con discrezionalità e autonomia, scegliendo quasi sempre un bersaglio simbolico (i fratelli Kouachi volevano colpire proprio Charlie Hebdo “per vendicare Maometto”), ma anche con una certa casualità, così da rendersi imprevedibili alle forze di sicurezza. Inoltre, per coloro che muovono le fila (i vertici delle organizzazioni terroristiche) non è importante questo o quell’obiettivo. Quello che conta veramente è il risultato finale: causare terrore. Il fine non il mezzo.

Aggredendoci (come nel caso del settimanale satirico), non vogliono attaccare particolari diritti o le libertà dei paesi democratici, men che meno la libertà di espressione, ma destabilizzare l’occidente, svegliarlo dal suo torpore, esaltarne le ipocrisie, richiamare l’attenzione su un mondo allo sfascio in cui non tutte le persone godono degli stessi diritti, evidenziare le vulnerabilità di una società che si crede superiore. In sostanza essi vogliono sovvertire il sistema.

Non ammetterlo significa ignorare il problema. Banalmente, è come dire che la strage alla stazione di Bologna sia stata voluta per fermare la circolazione dei treni e che sia stato necessario riaffermare il proprio diritto di viaggiare su rotaie.

In sintesi, lo spazio dato nel dibattito pubblico alla libertà di espressione è sproporzionato rispetto all’entità del problema, per due semplici motivi: a) se anche Charlie Hebdo smettesse di pubblicare le vignette della discordia, gli attentati di certo non cesserebbero; b) l’allerta sugli attentati è elevata non solo presso le redazioni giornalistiche, ma ovunque.

La reazione occidentale dimostra, ancora una volta, tutta la sua ipocrisia e si presta totalmente al gioco dei terroristi. Non si possono assolutamente semplificare le ragioni degli attentati di Parigi come una conseguenza dell’indignazione. Non si possono trattare i terroristi come esseri irrazionali e superficiali.

Non ha alcun senso riflettere su come i fumettisti francesi avrebbero dovuto e dovrebbero fare satira (cosa che tra l’altro non interessa a nessuno, nemmeno ai terroristi stessi) e serve solo a fomentare proteste inutili che possono degenerare nella violenza, così come sta accadendo in Niger, dove manifestazioni e saccheggi stanno devastando il Paese, lasciandosi alle spalle decine di morti.

Piuttosto bisognerebbe ampliare lo sguardo oltre il nostro confine autoreferenziale, analizzando le cause e le dinamiche reali del terrorismo, poiché la nostra libertà di espressione non ha nulla a che fare con tutto questo.

Dopo il cordoglio e la condanna, è il momento di spendere le energie per capire i motivi che spingono una persona a sposare con le armi la causa del jihad, che risultato vuole raggiungere, da quale contesto proviene, come viene addestrato e indottrinato, come viene strumentalizzata la religione, chi finanzia i gruppi terroristici e per quali motivi. Questo metodo è certamente più faticoso perché si oppone ai nostri interessi economici e ci pone davanti enormi responsabilità, ma è l’unico adottabile per individuare soluzioni idonee a prevenire e contrastare questa piaga.

Da un lato, infatti, dobbiamo considerare il terrorismo anche come il risultato delle politiche occidentali: traffico di armi irresponsabile, confini tracciati a tavolino dalle potenze coloniali del secolo scorso, sfruttamento delle risorse del sottosuolo, accesso limitato alle risorse idriche e alimentari, povertà, diritti umani negati (in primis quello all’autodeterminazione dei popoli), emarginazione sociale e disoccupazione sono solo alcune delle cause.

Poniamoci un’ultima domanda: senza in alcun modo voler giustificare la violenza ed escludendo i fanatici, l’atto terroristico in sé potrebbe costituire, l’ultima azione di una persona esasperata e facilmente condizionabile o ricattabile proprio a causa di questi problemi? In caso di risposta affermativa, il fenomeno non farà che aumentare senza un cambio di rotta radicale in Occidente prima che altrove.

Dall’altro, di fronte all’atto terroristico dobbiamo reagire rifiutando di farci terrorizzare, innanzitutto attraverso il rispetto della legalità, della Costituzione e dei trattati internazionali. Non servono atti di forza eclatanti, né tecniche oscure di sorveglianza della cittadinanza che reprimono le libertà civili (v. Patriot Act). Siamo di fronte ad un crimine e non ad un atto di guerra. L’esperienza dell’Afghanistan, ha insegnato tanto da questo punto di vista.

Ma più di ogni altra cosa, dobbiamo agire con la stessa fredda razionalità con la quale le organizzazioni terroristiche agiscono e che rifiutiamo di riconoscergli.

 

Autore: Emanuele Greco

Fonte: www.geopolitica.info

05/07/2018 - di admin
sondaggio-ican-yougov-sulle-armi-nucleari-in-italia    La maggioranza degli italiani è contro le armi nucleari e vorrebbe aderire al Trattato ONU di messa al bando, secondo il sondaggio ICAN/YouGov Il 72% vorrebbe aderire al Trattato TPNW, il 65% vorrebbe le testate nucleari fuori dal nostro...
20/04/2018 - di admin
bombe-italiane-nella-guerra-in-yemen-ecchr-mwatana-e-rete-italiana-per-il-disarmo-denunciano-uama-e-rwm-italia-s-p-a18 Aprile 2018 Conferenza Stampa Sala Stampa Esteri Bombe italiane nella guerra in Yemen: ECCHR, Mwatana e Rete Italiana per il Disarmo denunciano UAMA e RWM Italia S.p.A.   Nel contesto di impunità nei confronti delle ripetute violazioni di diritti...
13/02/2018 - di IRIAD
i-crimini-sono-in-calo-ma-c-e-chi-specula-sul-senso-di-insicurezza-degli-italianiIntervista al Presidente di IRIAD Fabrizio Battistelli da parte de Linkiesta.it di Marco Sarti  "I crimini sono in calo, ma c'è chi specula sul senso di insicurezza degli italiani" Fabrizio Battistelli ordinario di sociologia a La Sapienza: «La...
12/12/2017 - di admin
guernica-icona-di-pace   Nella foto Fabrizio Battistelli, Presidente dell’Archivio Disarmo, e Giovanna Patti, Direttrice del Museo Storico di Ventotene.   Guernica icona di pace viene esposta dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018 al Senato della Repubblica (Palazzo...
09/11/2017 - di admin
discorso-del-santo-padre-francesco-ai-partecipanti-al-convegno-prospettive-per-un-mondo-libero-dalle-armi-nucleari-e-per-un-disarmo-integrale   DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONVEGNO "PROSPETTIVE PER UN MONDO LIBERO DALLE ARMI NUCLEARI E PER UN DISARMO INTEGRALE" Sala Clementina Venerdì, 10 novembre 2017 Cari amici, porgo a ciascuno di voi il mio cordiale saluto...
09/11/2017 - di admin
beatrice-fihn-cambiare-la-forma-mentis-delle-persone      Beatrice Fihn: «Cambiare la forma mentis delle persone»   15 NOVEMBRE 2017 DI AURELIO MOLÈ FONTE: CITTÀ NUOVA   Le armi nucleari nel mondo e in Italia. Le parole di papa Francesco contro le minacce di guerra. Le opinioni dei premi Nobel...
05/09/2017 - di admin
firma-la-petizione   In questi giorni il mondo guarda con il fiato sospeso alla crisi nordcoreana che, senza una soluzione politica, può rapidamente degenerare dando vita a un cataclisma dalle proporzioni inimmaginabili. Un passo falso, un allarme infondato...
23/05/2017 - di Fabrizio Battistelli
la-sicurezza-e-la-sua-ombra-terrorismo-panico-costruzione-della-minaccia   Professor Battistelli, Lei è autore del libro La sicurezza e la sua ombra. Terrorismo, panico, costruzione della minaccia edito da Donzelli: l’insicurezza è un male necessario della nostra società? La prima insicurezza è quella esistenziale: una...
16/09/2016 - di Brando Benifei, Adriano Iaria
un-trattato-sulla-proibizione-delle-armi-nucleari  Lo scorso ottobre l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione per convocare una conferenza nel 2017 e discutere di un trattato per l’eliminazione delle armi nucleari. Facendo seguito alla pubblicazione di Adriano Iaria  –...
16/09/2016 - di Ennio Remondino
carlo-azeglio-ciampi-memoria-personaleCarlo Azeglio Ciampi era un galantuomo. Che non è piccola cosa neppure tra tutte le qualità che vengono ricordate di lui, assieme ai prestigiosi incarichi che ha ricoperto. Ho deciso di mostrare la fotografia che ci ritrae assieme più di 25 anni fa, non...
10/04/2016 - di Maged Srour
armi-leggere-e-morti-pesanti-negli-usa Il tema della diffusione delle armi leggere nel mondo, dati alla mano, risulta essere molto preoccupante e lo è ancora di più se si considera la situazione negli Stati Uniti. Gli Usa sono allo stesso tempo il maggiore esportatore e importatore di armi...
08/03/2016 - di Giulia Palestini
iran-repubblica-islamica-2-0 Le elezioni della scorsa settimana in Iran hanno catturato i riflettori globali. Gli analisti hanno avuto l’occasione di tastare il polso della Repubblica Islamica, pedina di alto rango nelle speculazioni geopolitiche più spinose. Di per sé, il...
25/02/2016 - di Angelo Motola
yemen-l-ue-vota-si-all-embargo-delle-armi-verso-l-arabia-saudita Oggi  il Parlamento europeo si è espresso sulla situazione umanitaria in Yemen adottando un’importante risoluzione che richiama gli Stati membri al pieno rispetto della legge internazionale umanitaria, con emendamento ad hoc – votato con parere...
28/01/2016 - di IRIAD
arabia-saudita-denunce-in-diverse-procure-per-vendita-armi-italiane Rete italiana per il Disarmo (di cui l'IRIAD è membro) ha presentato oggi in diverse procure italiane un esposto per chiedere di indagare sulle spedizioni di bombe (prodotte da RWM Italia) all'Arabia Saudita. L'iniziativa è stata annunciata oggi in una...
14/01/2016 - di Angelo Motola
conflitti-e-i-cambiamenti-climatici-minacciano-la-sicurezza-alimentare Sono 33 i paesi del mondo che necessitano di assistenza alimentare esterna principalmente per cause legate al protrarsi di conflitti interni e all’intensificarsi di fenomeni climatici a carattere disastroso. Di questi, 26 si trovano in Africa e 7 tra...
29/12/2015 - di Angelo Motola
il-dramma-silenzioso-dei-bambini-migranti Nel 2015 oltre un milione di persone sono fuggite dalle loro case a causa della guerra, delle persecuzioni,  della povertà estrema e sono riuscite a raggiungere l’Europa. Solo il 3% di loro è arrivato via terra. La quasi totalità è giunta sulle coste...
26/12/2015 - di Fabrizio Battistelli
gli-immigrati-musulmani-in-italia-tra-inclusione-e-segregazione Nel travagliato 2015 che si chiude, gli attentati del 13 novembre a Parigi segnano un ulteriore salto di qualità rispetto all’attacco sferrato a Charlie Hebdo a inizio d’anno. Colpendo il giornale satirico i terroristi islamici colpivano i princìpi e...
23/11/2015 - di Angelo Motola
bombe-made-in-italy-sullo-yemen-l-italia-tace Un nuovo carico di bombe MK-80 prodotte dalla RWM Italia hanno preso il volo ieri notte a bordo del cargo 747 della compagnia azera Silk Ways, partito dall’aeroporto civile di Cagliari e diretto alla base militare di Taif, in Arabia Saudita. Stessa...
04/11/2015 - di IRIAD
una-vita-spesa-per-la-pace-dedicata-a-paolicelli-una-stanza-della-camera Roma - Una stanza della Camera dei Deputati è stata intitolata a Massimo Paolicelli, storico esponente del movimento pacifista morto due anni fa dopo una lunga malattia. L’inaugurazione si è tenuta il 28 ottobre scorso alla presenza di Simone Baldelli,...
20/03/2015 - di Ramy Srour
l-attacco-di-tunisi-conferma-la-necessita-di-una-strategia-condivisa-a-livello-regionale-contro-gli-estremismi Mercoledì 18 marzo due uomini armati di fucili d'assalto hanno fatto irruzione in un museo gremito di gente nel centro di Tunisi uccidendo un agente di sicurezza tunisino e 20 turisti stranieri. Questi, secondo gli ultimi rapporti, provenivano da...
18/02/2015 - di Carlo Cefaloni
libia-e-isis-chi-fornisce-le-armiIntervista a Maurizio Simoncelli (Archivio Disarmo - IRIAD) per Città Nuova, sul flusso di armamenti che alimenta il caos generato nella regione dall’intervento militare del 2011.  È prevista per giovedì 19 febbraio l’audizione in Parlamento del...
05/02/2015 - di Adriano Iaria
regolare-il-commercio-delle-armi-si-puo Regolare il commercio delle armi si può. Lo dimostra l’entrata il vigore del trattato sul commercio di Armi (Att). Il trattato, al quale hanno aderito sessantuno stati ai quali si sono aggiunti centotrenta paesi firmatari (tra cui Stati Uniti e...
26/01/2015 - di Emanuele Greco
la-satira-dissacrante-causa-o-pretesto-per-il-terrorismo Meglio della Befana, quanto accaduto il 7 gennaio 2015 ha “spazzato” lo spirito delle festività natalizie, lasciando il posto a sentimenti collettivi diametralmente opposti: tristezza, paura e rabbia. Quel giorno due uomini franco-algerini, mascherati...
21/01/2015 - di Fabrizio Battistelli
dopo-parigi-c-e-una-lezione-sulle-differenze-da-imparare  Raramente accade che una singola vicenda sia, per quanto clamorosa, in grado di rappresentare la sintesi perfetta dei problemi morali e politici che una società deve fronteggiare in riferimento al cruciale aspetto del rapporto con gli “altri”. Questo...
16/01/2015 - di Fabrizio Battistelli
i-fatti-di-charlie-hebdo-scontro-di-civilta-o-insufficienze-della-politica Gli attacchi terroristici che hanno colpito la Francia turbano per due motivi: la violenza che sprigionano e il bersaglio verso cui si dirigono. Al primo aspetto i media ci hanno quasi abituati, più difficile (ma questo è positivo) è metabolizzare il...
28/11/2014 - di Emanuele Greco
e-scoppiata-la-guerra-informatica Negli ultimi tempi, l’attenzione verso le problematiche relative alla sicurezza informatica è aumentata esponenzialmente sia nell’opinione pubblica sia nelle istituzioni. Ciò è dato non tanto dalla reale pericolosità delle operazioni informatiche,...
28/11/2014 - di Emanuele Greco e Daniele Ferretti
presentazione-dell-indagine-conoscitiva-della-commissione-difesa-sull-acquisizione-dei-sistemi-d-arma-italiani  Quali sono i principali programmi di acquisizione dei sistemi d’arma italiani? Chi decide quali comprare? Quale futuro per le Forze armate alla luce dell’attuale contesto geo-strategico? A queste e ad altre domande hanno cercato di rispondere i...
20/11/2014 - di Maurizio Simoncelli
bambini-soldato-e-minori-migranti-a-venticinque-anni-dalla-convenzione-sui-diritti-dell-infanzia Il 20 novembre è la giornata mondiale per i diritti dell'infanzia e dell’adolescenza. Essa celebra l’approvazione dell’omonima Convenzione da parte dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, avvenuta nel 1989. Il documento è il principale strumento...
18/09/2014 - di Emanuele Greco
il-caso-maro-un-pasticcio-all-italiana E’ trascorso ormai parecchio tempo da quando nel 2012 due fucilieri della marina italiana, a seguito della presunta uccisione di due pescatori indiani a largo della costa del Kerala, sono stati arrestati e trattenuti dalle autorità di questo Stato con...
18/09/2014 - di Emanuele Greco
l-italia-all-ican-acation-academy-2014 Dall’11 al 14 settembre, presso alcune delle più belle strutture architettoniche di Berlino come il Rathaus Charlottenburg, si è svolta l’ICAN Action Academy. Di cosa si tratta? Molto più che una semplice scuola, l’evento, organizzato dall’ICAN...
26/07/2014 - di Giulia Palestini
rohani-e-il-dilemma-della-politica-demografica-iraniana Il debutto di Rohani da Presidente dell’Iran ha segnato l’avvio di un nuovo capitolo politico, contrassegnato da un’apertura concreta al sistema internazionale ed in particolare al dialogo con gli Stati Uniti.  È stato eloquente, in tal senso,...
01/07/2014 - di Emanuele Greco
gli-agenti-chimici-siriani-sono-nel-porto-di-gioia-tauro  Partita lo scorso 23 giugno dal porto di Latakia, la nave cargo danese Ark Futura tipo Ro-Ro (di proprietà della compagnia DFDS Seaways) è arrivata al porto di Gioia Tauro (RC), scortata da unità da guerra. Questa trasporta gli agenti chimici più...
18/04/2013 - di Maurizio Simoncelli
le-lobby-delle-armi-usa-e-la-sconfitta-di-obamaNonostante il tentativo del presidente Obama e l’apparente accordo bipartisan al Senato tra democratici e repubblicani per un maggior controllo nella vendita delle armi ai privati negli USA, la National Rifle Association, la potente lobby dell' industria...

 

I contenuti di questo sito, ad eccezione dei "Comunicati stampa", non riflettono necessariamente posizioni ufficiali presenti o passate dell'IRIAD.

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE

APPUNTAMENTI

Agosto 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

VETRINETTA

Area riservata



Instagram

Utilizziamo cookie e tecnologie analoghe, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza sul nostro sito. Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione, senza negare il consenso, approvi l’uso dei cookie.