FacebookTwitter
Benvenuto nel sito dell'IRIAD ~ Seguici anche sui nostri profili social

Iran, Repubblica islamica 2.0?

Iran elezioni 3 675

Le elezioni della scorsa settimana in Iran hanno catturato i riflettori globali. Gli analisti hanno avuto l’occasione di tastare il polso della Repubblica Islamica, pedina di alto rango nelle speculazioni geopolitiche più spinose.

Di per sé, il rinnovo del Parlamento e dell’Assemblea degli Esperti ha rappresentato un importante test sul mandato del Presidente Rohani e, più in generale, la ricalibrazione degli assetti di potere. Perlomeno formalmente. Infatti, anche se è indubbia la vittoria sulla carta di moderati e riformisti, è difficile prevedere la loro capacità di districarsi dalle maglie di un sistema che subordina distintamente gli organi eletti a quelli non eletti. Alcuni, inoltre, credono che i vincitori del plebiscito elettorale siano in malafede quando parlano di rinnovamento. Su Al Jazeera il Prof. Hamid Dabashi ha emesso un giudizio senza appello: “I retrogradi conservatori sono stati così falsi a rivendicare la vittoria quanto gli opportunisti del campo riformista sono stati impostori a rivendicare un nuovo corso per la loro sorpassata e discreditata politica”.

Quale che sia la reale opportunità di cambiamento, nondimeno il successo della “Lista della Speranza” è effettivamente spia di una speranza diffusa, in un paese afflitto da un’elevatissima disoccupazione e da pesanti limitazioni nella sfera dei diritti e delle libertà civili.

La popolazione iraniana è costituita per oltre il 60% da giovani sotto i trent’anni: un dato che non solo svela il loro potenziale politico negli anni a venire, ma che spiega anche la predilezione iraniana per nuovi strumenti comunicativi. Nonostante limiti e divieti, i social network si sono molto diffusi negli ultimi anni. Anche in Occidente hanno avuto eco diversi episodi, ad esempio: la polemica per il video su Youtube “Happy We are from Teheran”; l’endorsement di Rohani ai social media proprio via Twitter; l’esibizione dello stile di vita della jeunesse dorée iraniana sull’account Instagram “Rich Kids of Teheran”.

Non deve stupire dunque che anche le elezioni siano state investite dal fermento tecnologico. In tal senso, Telegram, applicazione gratuita di messaggistica istantanea, si è guadagnata un ruolo di primo piano. Al contrario di altri, questo strumento è pienamente legale e sarebbe utilizzato da circa un quarto della popolazione. In altre parole, un veicolo di espressione di massa, capace (anche) di influenzare il voto e disincentivare l’astensionismo. Proprio su Telegram, come anche su Instagram e Youtube, è imperversato un video in cui l’ex Presidente riformista Mohammad Khatami ha incoraggiato il voto alla “Lista della Speranza”. Il fatto assume ancora più peso considerando che sul suo nome e sulle sue immagini pende un bando di censura che i media tradizionali non hanno potuto aggirare. Il suddetto video di Khatami è diventato virale anche sull’app Dubsmash, che permette di abbinare un proprio video a degli audio di canzoni o discorsi. La prima a lanciare questo trend è stata l’attrice Baran Kosari, che come altre celebrità ha incoraggiato la partecipazione alle elezioni sfruttando la propria influenza mediatica.

Su Telegram la battaglia elettorale si è consumata inoltre a colpi di stickers, cioè adesivi virtuali da allegare ai messaggi di testo. Gli stickers “elettorali” sono spesso ironici e hanno soggetti vari, non necessariamente raffiguranti i candidati: come l’adesivo con il presidente Churchill che dice di avere nostalgia dei tempi in cui interferiva in Iran. Va detto che la coalizione di riformisti e moderati è stata penalizzata da misure come l’esclusione di numerosi candidati dalla competizione. Inoltre i media di Stato sono sbilanciati a favore dei conservatori e dell’Ayatollah Khamenei. L’intensa pubblicità proriformista su media alternativi ha quindi rappresentato un riappropriarsi di spazi in parte ‘negati’. È il caso di ricordare che un amministratore delle comunicazioni, come riporta la People’s Mojahedin Organization of Iran, avrebbe affermato che il numero degli iraniani che usano Telegram supera certamente quello di chi guarda la tv di Stato. A questo punto viene da chiedersi se Telegram rischi di essere bloccata (come già successo alla simile app Viber) e se davvero sia immune al controllo della polizia persiana: sono interrogativi che per ora restano sospesi.

Indubbiamente una pletora di canali comunicativi si sta aprendo agli iraniani e sarà sempre più difficile imbrigliarli in regole o divieti. Nell’attuale clima di dilagante evocazione di speranza, non si può non pensare al Movimento Verde del 2009, che impiegò intensivamente le reti informatiche per la mobilitazione politica. In quel momento i blog erano ancora un medium prescelto dagli attivisti. La cosiddetta “blogosfera” si erose drasticamente per l’effetto combinato dei filtri governativi (talvolta corredati da arresti) e dell’ascesa dei social network.

Una connessione ideale (in questo caso non infomatica) lega il Movimento Verde alla mobilitazione del 2016. Quest’ultima è stata più discreta e si è ramificata nell’etere informatico, più che in luoghi fisici. Con una forma narrativa moderna, la graphic novel “Zahra’s Paradise, i figli perduti dell’Iran” ha disegnato un quadro struggente del periodo del Movimento Verde, raccontando gli arresti e i rapimenti politici a danno degli attivisti. Quest’opera, apprezzata a livello internazionale e i cui autori sono rimasti anonimi per ragioni di sicurezza, ha evidenziato la dimensione del controllo informatico operato dai vertici della Repubblica Islamica. Una delle considerazioni della storia è questa: “I nostri antichi re ci cavavano gli occhi. Quelli nuovi vogliono staccare la spina a internet per eliminare il nostro riflesso”.

Tornando al presente, sebbene siano attivi diversi meccanismi repressivi, non si sono consumati stavolta, rispetto al 2009, né quel tipo di proteste né quell’epilogo. Nel prossimo futuro l’establishment potrebbe persino scoprire la convenienza di adottare strategie comunicative più liberali e trasparenti. Come si è visto, il presidente Rohani sta già dispiegando la sua realpolitik anche sul piano dei nuovi media. Da questi ultimi la sua fazione ha indubbiamente tratto beneficio. Occorre comunque sottolineare che alcuni report denunciano l’inasprimento delle restrizioni all’accesso internet e alle nuove app proprio durante il mandato di Rohani. Solo qualche mese fa, inoltre, Khamenei annunciava che l’autorità responsabile di Internet sarà inglobata nel Supremo Consiglio del Cyberspazio, organo controllato da ultraconservatori. La censura dunque prosegue. Di recente per esempio si è scagliata contro Garshad, app di paternità iraniana nata per fronteggiare la preoccupazione di incorrere nella Polizia della Moralità (l’ente responsabile dell’appropriatezza dei costumi, soprattutto femminili). Il blocco dell’app per il momento è stato aggirato, con il placet dei suoi oltre 10mila utenti.

L’attivismo virtuale è dunque una faccia della speranza di giovani e meno giovani iraniani. Un’altra è sicuramente quella dell’attivismo femminile, che merita un racconto a parte. Vale comunque la pena di ricordare l’elezione record al Parlamento di 15 donne, più altre 5 candidate al ballottaggio del prossimo aprile. Si tratta di un dato che mostra con evidenza che si sta facendo spazio, soprattutto sul lato politico dei riformisti, a una tipologia di homo novus che include il genere femminile. Naturalmente la sfera dell’attivismo femminile converge ampiamente in quella dell’attivismo virtuale. In comune sembrano avere un credo riformista ostinato ma pacifico, che riassumerei con le parole dell’intellettuale iraniano Alì Shariati, da alcuni considerato ideologo della Rivoluzione del ‘79 e morto prima che questa si “avverasse”: “Se non potete eliminare l’ingiustizia, almeno raccontatela a tutti”.

 

Autore: Giulia Palestini

Fonte: Il Fatto Quotidiano

20/04/2018 - di admin
bombe-italiane-nella-guerra-in-yemen-ecchr-mwatana-e-rete-italiana-per-il-disarmo-denunciano-uama-e-rwm-italia-s-p-a18 Aprile 2018 Conferenza Stampa Sala Stampa Esteri Bombe italiane nella guerra in Yemen: ECCHR, Mwatana e Rete Italiana per il Disarmo denunciano UAMA e RWM Italia S.p.A.   Nel contesto di impunità nei confronti delle ripetute violazioni di diritti...
13/02/2018 - di IRIAD
i-crimini-sono-in-calo-ma-c-e-chi-specula-sul-senso-di-insicurezza-degli-italianiIntervista al Presidente di IRIAD Fabrizio Battistelli da parte de Linkiesta.it di Marco Sarti  "I crimini sono in calo, ma c'è chi specula sul senso di insicurezza degli italiani" Fabrizio Battistelli ordinario di sociologia a La Sapienza: «La...
12/12/2017 - di admin
guernica-icona-di-pace   Nella foto Fabrizio Battistelli, Presidente dell’Archivio Disarmo, e Giovanna Patti, Direttrice del Museo Storico di Ventotene.   Guernica icona di pace viene esposta dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018 al Senato della Repubblica (Palazzo...
09/11/2017 - di admin
discorso-del-santo-padre-francesco-ai-partecipanti-al-convegno-prospettive-per-un-mondo-libero-dalle-armi-nucleari-e-per-un-disarmo-integrale   DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONVEGNO "PROSPETTIVE PER UN MONDO LIBERO DALLE ARMI NUCLEARI E PER UN DISARMO INTEGRALE" Sala Clementina Venerdì, 10 novembre 2017 Cari amici, porgo a ciascuno di voi il mio cordiale saluto...
09/11/2017 - di admin
beatrice-fihn-cambiare-la-forma-mentis-delle-persone      Beatrice Fihn: «Cambiare la forma mentis delle persone»   15 NOVEMBRE 2017 DI AURELIO MOLÈ FONTE: CITTÀ NUOVA   Le armi nucleari nel mondo e in Italia. Le parole di papa Francesco contro le minacce di guerra. Le opinioni dei premi Nobel...
05/09/2017 - di admin
firma-la-petizione   In questi giorni il mondo guarda con il fiato sospeso alla crisi nordcoreana che, senza una soluzione politica, può rapidamente degenerare dando vita a un cataclisma dalle proporzioni inimmaginabili. Un passo falso, un allarme infondato...
23/05/2017 - di Fabrizio Battistelli
la-sicurezza-e-la-sua-ombra-terrorismo-panico-costruzione-della-minaccia   Professor Battistelli, Lei è autore del libro La sicurezza e la sua ombra. Terrorismo, panico, costruzione della minaccia edito da Donzelli: l’insicurezza è un male necessario della nostra società? La prima insicurezza è quella esistenziale: una...
16/09/2016 - di Brando Benifei, Adriano Iaria
un-trattato-sulla-proibizione-delle-armi-nucleari  Lo scorso ottobre l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione per convocare una conferenza nel 2017 e discutere di un trattato per l’eliminazione delle armi nucleari. Facendo seguito alla pubblicazione di Adriano Iaria  –...
16/09/2016 - di Ennio Remondino
carlo-azeglio-ciampi-memoria-personaleCarlo Azeglio Ciampi era un galantuomo. Che non è piccola cosa neppure tra tutte le qualità che vengono ricordate di lui, assieme ai prestigiosi incarichi che ha ricoperto. Ho deciso di mostrare la fotografia che ci ritrae assieme più di 25 anni fa, non...
10/04/2016 - di Maged Srour
armi-leggere-e-morti-pesanti-negli-usa Il tema della diffusione delle armi leggere nel mondo, dati alla mano, risulta essere molto preoccupante e lo è ancora di più se si considera la situazione negli Stati Uniti. Gli Usa sono allo stesso tempo il maggiore esportatore e importatore di armi...
08/03/2016 - di Giulia Palestini
iran-repubblica-islamica-2-0 Le elezioni della scorsa settimana in Iran hanno catturato i riflettori globali. Gli analisti hanno avuto l’occasione di tastare il polso della Repubblica Islamica, pedina di alto rango nelle speculazioni geopolitiche più spinose. Di per sé, il...
25/02/2016 - di Angelo Motola
yemen-l-ue-vota-si-all-embargo-delle-armi-verso-l-arabia-saudita Oggi  il Parlamento europeo si è espresso sulla situazione umanitaria in Yemen adottando un’importante risoluzione che richiama gli Stati membri al pieno rispetto della legge internazionale umanitaria, con emendamento ad hoc – votato con parere...
28/01/2016 - di IRIAD
arabia-saudita-denunce-in-diverse-procure-per-vendita-armi-italiane Rete italiana per il Disarmo (di cui l'IRIAD è membro) ha presentato oggi in diverse procure italiane un esposto per chiedere di indagare sulle spedizioni di bombe (prodotte da RWM Italia) all'Arabia Saudita. L'iniziativa è stata annunciata oggi in una...
14/01/2016 - di Angelo Motola
conflitti-e-i-cambiamenti-climatici-minacciano-la-sicurezza-alimentare Sono 33 i paesi del mondo che necessitano di assistenza alimentare esterna principalmente per cause legate al protrarsi di conflitti interni e all’intensificarsi di fenomeni climatici a carattere disastroso. Di questi, 26 si trovano in Africa e 7 tra...
29/12/2015 - di Angelo Motola
il-dramma-silenzioso-dei-bambini-migranti Nel 2015 oltre un milione di persone sono fuggite dalle loro case a causa della guerra, delle persecuzioni,  della povertà estrema e sono riuscite a raggiungere l’Europa. Solo il 3% di loro è arrivato via terra. La quasi totalità è giunta sulle coste...
26/12/2015 - di Fabrizio Battistelli
gli-immigrati-musulmani-in-italia-tra-inclusione-e-segregazione Nel travagliato 2015 che si chiude, gli attentati del 13 novembre a Parigi segnano un ulteriore salto di qualità rispetto all’attacco sferrato a Charlie Hebdo a inizio d’anno. Colpendo il giornale satirico i terroristi islamici colpivano i princìpi e...
23/11/2015 - di Angelo Motola
bombe-made-in-italy-sullo-yemen-l-italia-tace Un nuovo carico di bombe MK-80 prodotte dalla RWM Italia hanno preso il volo ieri notte a bordo del cargo 747 della compagnia azera Silk Ways, partito dall’aeroporto civile di Cagliari e diretto alla base militare di Taif, in Arabia Saudita. Stessa...
04/11/2015 - di IRIAD
una-vita-spesa-per-la-pace-dedicata-a-paolicelli-una-stanza-della-camera Roma - Una stanza della Camera dei Deputati è stata intitolata a Massimo Paolicelli, storico esponente del movimento pacifista morto due anni fa dopo una lunga malattia. L’inaugurazione si è tenuta il 28 ottobre scorso alla presenza di Simone Baldelli,...
20/03/2015 - di Ramy Srour
l-attacco-di-tunisi-conferma-la-necessita-di-una-strategia-condivisa-a-livello-regionale-contro-gli-estremismi Mercoledì 18 marzo due uomini armati di fucili d'assalto hanno fatto irruzione in un museo gremito di gente nel centro di Tunisi uccidendo un agente di sicurezza tunisino e 20 turisti stranieri. Questi, secondo gli ultimi rapporti, provenivano da...
18/02/2015 - di Carlo Cefaloni
libia-e-isis-chi-fornisce-le-armiIntervista a Maurizio Simoncelli (Archivio Disarmo - IRIAD) per Città Nuova, sul flusso di armamenti che alimenta il caos generato nella regione dall’intervento militare del 2011.  È prevista per giovedì 19 febbraio l’audizione in Parlamento del...
05/02/2015 - di Adriano Iaria
regolare-il-commercio-delle-armi-si-puo Regolare il commercio delle armi si può. Lo dimostra l’entrata il vigore del trattato sul commercio di Armi (Att). Il trattato, al quale hanno aderito sessantuno stati ai quali si sono aggiunti centotrenta paesi firmatari (tra cui Stati Uniti e...
26/01/2015 - di Emanuele Greco
la-satira-dissacrante-causa-o-pretesto-per-il-terrorismo Meglio della Befana, quanto accaduto il 7 gennaio 2015 ha “spazzato” lo spirito delle festività natalizie, lasciando il posto a sentimenti collettivi diametralmente opposti: tristezza, paura e rabbia. Quel giorno due uomini franco-algerini, mascherati...
21/01/2015 - di Fabrizio Battistelli
dopo-parigi-c-e-una-lezione-sulle-differenze-da-imparare  Raramente accade che una singola vicenda sia, per quanto clamorosa, in grado di rappresentare la sintesi perfetta dei problemi morali e politici che una società deve fronteggiare in riferimento al cruciale aspetto del rapporto con gli “altri”. Questo...
16/01/2015 - di Fabrizio Battistelli
i-fatti-di-charlie-hebdo-scontro-di-civilta-o-insufficienze-della-politica Gli attacchi terroristici che hanno colpito la Francia turbano per due motivi: la violenza che sprigionano e il bersaglio verso cui si dirigono. Al primo aspetto i media ci hanno quasi abituati, più difficile (ma questo è positivo) è metabolizzare il...
28/11/2014 - di Emanuele Greco
e-scoppiata-la-guerra-informatica Negli ultimi tempi, l’attenzione verso le problematiche relative alla sicurezza informatica è aumentata esponenzialmente sia nell’opinione pubblica sia nelle istituzioni. Ciò è dato non tanto dalla reale pericolosità delle operazioni informatiche,...
28/11/2014 - di Emanuele Greco e Daniele Ferretti
presentazione-dell-indagine-conoscitiva-della-commissione-difesa-sull-acquisizione-dei-sistemi-d-arma-italiani  Quali sono i principali programmi di acquisizione dei sistemi d’arma italiani? Chi decide quali comprare? Quale futuro per le Forze armate alla luce dell’attuale contesto geo-strategico? A queste e ad altre domande hanno cercato di rispondere i...
20/11/2014 - di Maurizio Simoncelli
bambini-soldato-e-minori-migranti-a-venticinque-anni-dalla-convenzione-sui-diritti-dell-infanzia Il 20 novembre è la giornata mondiale per i diritti dell'infanzia e dell’adolescenza. Essa celebra l’approvazione dell’omonima Convenzione da parte dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, avvenuta nel 1989. Il documento è il principale strumento...
18/09/2014 - di Emanuele Greco
il-caso-maro-un-pasticcio-all-italiana E’ trascorso ormai parecchio tempo da quando nel 2012 due fucilieri della marina italiana, a seguito della presunta uccisione di due pescatori indiani a largo della costa del Kerala, sono stati arrestati e trattenuti dalle autorità di questo Stato con...
18/09/2014 - di Emanuele Greco
l-italia-all-ican-acation-academy-2014 Dall’11 al 14 settembre, presso alcune delle più belle strutture architettoniche di Berlino come il Rathaus Charlottenburg, si è svolta l’ICAN Action Academy. Di cosa si tratta? Molto più che una semplice scuola, l’evento, organizzato dall’ICAN...
26/07/2014 - di Giulia Palestini
rohani-e-il-dilemma-della-politica-demografica-iraniana Il debutto di Rohani da Presidente dell’Iran ha segnato l’avvio di un nuovo capitolo politico, contrassegnato da un’apertura concreta al sistema internazionale ed in particolare al dialogo con gli Stati Uniti.  È stato eloquente, in tal senso,...
01/07/2014 - di Emanuele Greco
gli-agenti-chimici-siriani-sono-nel-porto-di-gioia-tauro  Partita lo scorso 23 giugno dal porto di Latakia, la nave cargo danese Ark Futura tipo Ro-Ro (di proprietà della compagnia DFDS Seaways) è arrivata al porto di Gioia Tauro (RC), scortata da unità da guerra. Questa trasporta gli agenti chimici più...
18/04/2013 - di Maurizio Simoncelli
le-lobby-delle-armi-usa-e-la-sconfitta-di-obamaNonostante il tentativo del presidente Obama e l’apparente accordo bipartisan al Senato tra democratici e repubblicani per un maggior controllo nella vendita delle armi ai privati negli USA, la National Rifle Association, la potente lobby dell' industria...

 

I contenuti di questo sito, ad eccezione dei "Comunicati stampa", non riflettono necessariamente posizioni ufficiali presenti o passate dell'IRIAD.

APPUNTAMENTI

Maggio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
09:30
Iglesias, Sardegna
Data :  05 05 2018
6
7
Nessuna immagine
17:30
Sala Search, Cagliari, Cagliari, Italia
Data :  07 05 2018
8
9
10:00
Istituto Comprensivo Gramsci, Roma, Italia
Data :  09 05 2018
10
15:30
Sede Archivio Disarmo, Roma, Italia
Data :  10 05 2018
11
12
13
14
15
16:00
Tribunale di Sorveglianza di Roma, Roma, Italia
Data :  15 05 2018
16
17
18
19
20
22
23
10:00
Data :  23 05 2018
24
25
26
27
28
29
30
31

VETRINETTA

Area riservata



Instagram

Utilizziamo cookie e tecnologie analoghe, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza sul nostro sito. Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione, senza negare il consenso, approvi l’uso dei cookie.