FacebookTwitter
Benvenuto nel sito dell'IRIAD ~ Seguici anche sui nostri profili social

La sicurezza e la sua ombra. Terrorismo, panico, costruzione della minaccia

 

Professor Battistelli, Lei è autore del libro La sicurezza e la sua ombra. Terrorismo, panico, costruzione della minaccia edito da Donzelli: l’insicurezza è un male necessario della nostra società?

La prima insicurezza è quella esistenziale: una zona d’ombra che accompagna l’essere umano in quanto unica specie vivente che sa di poter/dover morire. La seconda insicurezza è quella storica, dovuta alle specifiche circostanze – in questo tempo, in questo spazio – in cui egli si trova a vivere. Tali circostanze sono relativamente fortunate in alcuni casi (noi oggi nel Nord globale), mediocri o addirittura drammatiche in molti altri (ieri un po’ dovunque; oggi nelle regioni marginali del pianeta, nelle aree di crisi ecc.). Il mio libro parla del secondo tipo di insicurezza, quella “storica”. Da particella oscura oggi l’insicurezza si sta trasformando in una massa che ci sovrasta. Irrazionalmente, la maggior parte delle volte, ma non per questo con minore efficacia, assediati come siamo da allarmi autentici e falsi. La nostra vita è piena di allarmi, addirittura esistono agenzie la cui logica organizzativa è creare allarmi per massimizzare i clienti (cioè elettori per i partiti, audience per i media). D’altra parte non tutti gli allarmi sono falsi: alcuni, sfortunatamente, sono autentici. Molti di essi sono originati da “semplici” rischi: il mercato e la globalizzazione offrono sia benefici sia costi. Si producono e scambiano più merci ma si riduce il ruolo della politica, per cui appare insostenibile la spesa sociale che, almeno in Europa, dava protezione e sicurezza ai ceti popolari. E non ci sono soltanto i rischi dello sviluppo economico, ci sono anche le minacce quando i conflitti diventano violenti. A differenza della visione progressista più intransigente, personalmente ritengo che alcuni allarmi di natura “strategica” siano fondati. Non condivido l’idea che il terrorismo, la mafia, le guerre siano semplici invenzioni del potere. Piuttosto sono indizi dell’esistenza del male che è nel mondo: un aspetto complicato della condizione umana, che nei secoli ha alimentato discussioni infinite, ma di cui è difficile negare l’esistenza. Certamente dalla produzione di difese verso queste minacce le élite del potere traggono legittimazione e risorse, praticando uno scambio ineguale con i semplici cittadini. Ecco perchè questi ultimi non devono smettere mai dall’incalzare le élite discutendo le decisioni, monitorando i comportamenti, reclamando soluzioni il più possibile democratiche, nonviolente, parsimoniose nell’uso delle risorse pubbliche e dei beni comuni.

La sicurezza è un bisogno primario dell’uomo: il terrorismo persegue i suoi scopi facendo leva proprio su questo assioma.


Il discorso del terrorismo che ci rivolge il terrorismo è chiaro: “Pensate di essere sicuri e non lo siete”. Capovolgendo un assetto plurisecolare, gli attentati dell’11 settembre 2001 hanno mostrato che la metropoli globalizzata non è più sicura. Naturalmente questo decorso non rende più sicura la periferia globalizzata, anzi. Il risultato è una nemesi senza pace, cioè privato delle condizioni grazie alle quali la periferia potrebbe eventualmente avere giustizia dei torti subìti dalla metropoli. Ciò che il terrorismo offre alla periferia è soltanto vendetta, oltre tutto mettendo nel mirino la  vita di coloro che non hanno alcuna colpa: i cittadini inermi, con particolare predilezione per i giovani e i giovanissimi. Come mai sono questi ultimi – dal Bataclan di Parigi all’Arena di Manchester (ma dovrebbero essere almeno ricordati i 180 bambini della scuola di Beslan) – le vittime privilegiate? In questo il terrorismo islamista rivela una perfidia strategica solo apparentemente contraddittoria. A differenza dei terrorismi sperimentati dai paesi europei negli anni Settanta del secolo scorso, i quali selezionavano bersagli politicamente significativi, i kamikaze massimizzano senza limiti la risonanza dell’orrore che provocano nelle società attaccate. In modo solo apparentemente contraddittorio, da un lato “sparano nel mucchio” così che ciascuno debba sentirsi un potenziale bersaglio, dall’altro mirano a un “mucchio” la cui composizione non è casuale bensì altamente simbolica. Si tratta dei giovani, la melior pars che la popolazione percepisce come la parte migliore di sè da proteggere e da tramandare al futuro. Non riuscire in questa missione esistenziale aumenta il panico nella società e, se non si trova rapidamente una soluzione, nel tempo minerà la coesione sociale.

Come può la razionalità essere d’ausilio nell’affrontare le sfide della sicurezza?

Ne La sicurezza e la sua ombra ho definito la razionalità l’arma segreta della nostra specie. Come tutte le armi risolutive, peraltro, anch’essa è monopolizzata, centellinata e tenuta segreta dalle élites del potere. Se dovessero ammettere che molti dei danni che incombono su di noi, cioè molti fattori di insicurezza, hanno origine nelle nostre (o meglio nelle loro) decisioni – e quindi sono dei rischi – i governanti dovrebbero modificare le loro strategie e i loro comportamenti nel senso democratico, pro-sociale e nonviolento di cui si diceva. E’ molto più facile rendere tutto, indistintamente, una minaccia, esportare ogni responsabilità sul nemico, auto-assolversi per gli errori e per le colpe e accusare entità e attori esterni per i danni che ci colpiscono. È quella che il grande psicanalista Franco Fornari chiamava l’elaborazione paranoica del lutto, una pseudo-soluzione al male. La via maestra, invece, è un’analisi realistica ed equilibrata dei costi e dei benefici che i fenomeni storici portano con sè e, nell’ambito dei costi, di quelli che è giusto pagare e di quelli che è ingiusto che altri vogliano farci pagare. Nel primo caso la sicurezza si garantisce con le risorse politiche, economiche e sociali che è cosa morale e utile investire nella prevenzione dei conflitti. Nel secondo caso, di fronte a conflitti ingiusti come quello imposto dal terrorismo, è morale e necessario resistere e opporsi con i mezzi giuridici e tecnici dello Stato di diritto.

Il tema della sicurezza è destinato sempre più a condizionare le campagne elettorali e l’agenda politica delle nazioni occidentali: con quali conseguenze a Suo avviso?

La fase che attraversiamo oggi, dopo la Brexit e l’ascesa realizzata o paventata di capi populisti, è molto delicata. Nello stesso tempo siamo pur sempre di fronte alla dialettica della democrazia. C’è sempre stato e sempre ci sarà chi, con il pretesto di difendere, propone di aggredire. Accade che, di fronte agli stress che il terrorismo sta infliggendo alla società europea, a una crisi economica che dieci anni fa ha lasciato macerie e infine alla sofferenza sociale indotta dal progressivo collasso delle relazioni individuali e di gruppo, molte persone siano esasperate e alcune cerchino protezione nell’uomo (o nella donna) forte, e dunque nell’ideologia della destra. La capacità mimetica di questa politica è, grazie anche alla inadeguatezza delle alternative, formidabile: si fa passare per popolare, si propone di rappresentare gli strati lasciati indietro dalla turboeconomia senza più confini, inventa nuove denominazioni definendosi “sovranista”. Il nome è suggestivo ma, grattando, riemerge la vecchia materia nazionalista che, per due volte, nel “secolo breve” ha devastato l’Europa e il mondo. La proposta è di sostituire la guerra, diventata impraticabile in presenza di armi di distruzione assoluta come quella nucleare, coi dazi, coi muri e con la compressione dei diritti umani. Una risposta democratica e nonviolenta significa cercare un percorso che indubbiamente è, soprattutto nelle scadenze elettorali, arduo e stretto. Da un lato deve prendere l’insicurezza sul serio, senza sottovalutare le questioni che pone e senza ignorare/colpevolizzare i soggetti (numerosi) che avvertono questo disagio. Contemporaneamente non può mettersi in competizione con la destra sul suo terreno e con i suoi mezzi, bensì deve approntarne o rilanciarne di alternativi, a cominciare dalla prevenzione sociale. Strategie inclusive a favore dei giovani e degli immigrati (come fa con buoni risultati la scuola italiana), politiche pubbliche di inclusione delle periferie (invece scarse a livello locale, pressochè inesistenti a livello nazionale) sono o sarebbero decisive per prevenire strutturalmente l’emarginazione e l’alienazione della popolazione giovanile, in particolare gli immigrati di seconda generazione. Obiettivi che non sono unicamente di giustizia ma, anche, di una coesione sociale che è già di per sè prevenzione.

Articolo tratto da: https://www.letture.org/la-sicurezza-la-sua-ombra-terrorismo-panico-costruzione-della-minaccia-fabrizio-battistelli/

 

20/04/2018 - di admin
bombe-italiane-nella-guerra-in-yemen-ecchr-mwatana-e-rete-italiana-per-il-disarmo-denunciano-uama-e-rwm-italia-s-p-a18 Aprile 2018 Conferenza Stampa Sala Stampa Esteri Bombe italiane nella guerra in Yemen: ECCHR, Mwatana e Rete Italiana per il Disarmo denunciano UAMA e RWM Italia S.p.A.   Nel contesto di impunità nei confronti delle ripetute violazioni di diritti...
13/02/2018 - di IRIAD
i-crimini-sono-in-calo-ma-c-e-chi-specula-sul-senso-di-insicurezza-degli-italianiIntervista al Presidente di IRIAD Fabrizio Battistelli da parte de Linkiesta.it di Marco Sarti  "I crimini sono in calo, ma c'è chi specula sul senso di insicurezza degli italiani" Fabrizio Battistelli ordinario di sociologia a La Sapienza: «La...
12/12/2017 - di admin
guernica-icona-di-pace   Nella foto Fabrizio Battistelli, Presidente dell’Archivio Disarmo, e Giovanna Patti, Direttrice del Museo Storico di Ventotene.   Guernica icona di pace viene esposta dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018 al Senato della Repubblica (Palazzo...
09/11/2017 - di admin
discorso-del-santo-padre-francesco-ai-partecipanti-al-convegno-prospettive-per-un-mondo-libero-dalle-armi-nucleari-e-per-un-disarmo-integrale   DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONVEGNO "PROSPETTIVE PER UN MONDO LIBERO DALLE ARMI NUCLEARI E PER UN DISARMO INTEGRALE" Sala Clementina Venerdì, 10 novembre 2017 Cari amici, porgo a ciascuno di voi il mio cordiale saluto...
09/11/2017 - di admin
beatrice-fihn-cambiare-la-forma-mentis-delle-persone      Beatrice Fihn: «Cambiare la forma mentis delle persone»   15 NOVEMBRE 2017 DI AURELIO MOLÈ FONTE: CITTÀ NUOVA   Le armi nucleari nel mondo e in Italia. Le parole di papa Francesco contro le minacce di guerra. Le opinioni dei premi Nobel...
05/09/2017 - di admin
firma-la-petizione   In questi giorni il mondo guarda con il fiato sospeso alla crisi nordcoreana che, senza una soluzione politica, può rapidamente degenerare dando vita a un cataclisma dalle proporzioni inimmaginabili. Un passo falso, un allarme infondato...
23/05/2017 - di Fabrizio Battistelli
la-sicurezza-e-la-sua-ombra-terrorismo-panico-costruzione-della-minaccia   Professor Battistelli, Lei è autore del libro La sicurezza e la sua ombra. Terrorismo, panico, costruzione della minaccia edito da Donzelli: l’insicurezza è un male necessario della nostra società? La prima insicurezza è quella esistenziale: una...
16/09/2016 - di Brando Benifei, Adriano Iaria
un-trattato-sulla-proibizione-delle-armi-nucleari  Lo scorso ottobre l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione per convocare una conferenza nel 2017 e discutere di un trattato per l’eliminazione delle armi nucleari. Facendo seguito alla pubblicazione di Adriano Iaria  –...
16/09/2016 - di Ennio Remondino
carlo-azeglio-ciampi-memoria-personaleCarlo Azeglio Ciampi era un galantuomo. Che non è piccola cosa neppure tra tutte le qualità che vengono ricordate di lui, assieme ai prestigiosi incarichi che ha ricoperto. Ho deciso di mostrare la fotografia che ci ritrae assieme più di 25 anni fa, non...
10/04/2016 - di Maged Srour
armi-leggere-e-morti-pesanti-negli-usa Il tema della diffusione delle armi leggere nel mondo, dati alla mano, risulta essere molto preoccupante e lo è ancora di più se si considera la situazione negli Stati Uniti. Gli Usa sono allo stesso tempo il maggiore esportatore e importatore di armi...
08/03/2016 - di Giulia Palestini
iran-repubblica-islamica-2-0 Le elezioni della scorsa settimana in Iran hanno catturato i riflettori globali. Gli analisti hanno avuto l’occasione di tastare il polso della Repubblica Islamica, pedina di alto rango nelle speculazioni geopolitiche più spinose. Di per sé, il...
25/02/2016 - di Angelo Motola
yemen-l-ue-vota-si-all-embargo-delle-armi-verso-l-arabia-saudita Oggi  il Parlamento europeo si è espresso sulla situazione umanitaria in Yemen adottando un’importante risoluzione che richiama gli Stati membri al pieno rispetto della legge internazionale umanitaria, con emendamento ad hoc – votato con parere...
28/01/2016 - di IRIAD
arabia-saudita-denunce-in-diverse-procure-per-vendita-armi-italiane Rete italiana per il Disarmo (di cui l'IRIAD è membro) ha presentato oggi in diverse procure italiane un esposto per chiedere di indagare sulle spedizioni di bombe (prodotte da RWM Italia) all'Arabia Saudita. L'iniziativa è stata annunciata oggi in una...
14/01/2016 - di Angelo Motola
conflitti-e-i-cambiamenti-climatici-minacciano-la-sicurezza-alimentare Sono 33 i paesi del mondo che necessitano di assistenza alimentare esterna principalmente per cause legate al protrarsi di conflitti interni e all’intensificarsi di fenomeni climatici a carattere disastroso. Di questi, 26 si trovano in Africa e 7 tra...
29/12/2015 - di Angelo Motola
il-dramma-silenzioso-dei-bambini-migranti Nel 2015 oltre un milione di persone sono fuggite dalle loro case a causa della guerra, delle persecuzioni,  della povertà estrema e sono riuscite a raggiungere l’Europa. Solo il 3% di loro è arrivato via terra. La quasi totalità è giunta sulle coste...
26/12/2015 - di Fabrizio Battistelli
gli-immigrati-musulmani-in-italia-tra-inclusione-e-segregazione Nel travagliato 2015 che si chiude, gli attentati del 13 novembre a Parigi segnano un ulteriore salto di qualità rispetto all’attacco sferrato a Charlie Hebdo a inizio d’anno. Colpendo il giornale satirico i terroristi islamici colpivano i princìpi e...
23/11/2015 - di Angelo Motola
bombe-made-in-italy-sullo-yemen-l-italia-tace Un nuovo carico di bombe MK-80 prodotte dalla RWM Italia hanno preso il volo ieri notte a bordo del cargo 747 della compagnia azera Silk Ways, partito dall’aeroporto civile di Cagliari e diretto alla base militare di Taif, in Arabia Saudita. Stessa...
04/11/2015 - di IRIAD
una-vita-spesa-per-la-pace-dedicata-a-paolicelli-una-stanza-della-camera Roma - Una stanza della Camera dei Deputati è stata intitolata a Massimo Paolicelli, storico esponente del movimento pacifista morto due anni fa dopo una lunga malattia. L’inaugurazione si è tenuta il 28 ottobre scorso alla presenza di Simone Baldelli,...
20/03/2015 - di Ramy Srour
l-attacco-di-tunisi-conferma-la-necessita-di-una-strategia-condivisa-a-livello-regionale-contro-gli-estremismi Mercoledì 18 marzo due uomini armati di fucili d'assalto hanno fatto irruzione in un museo gremito di gente nel centro di Tunisi uccidendo un agente di sicurezza tunisino e 20 turisti stranieri. Questi, secondo gli ultimi rapporti, provenivano da...
18/02/2015 - di Carlo Cefaloni
libia-e-isis-chi-fornisce-le-armiIntervista a Maurizio Simoncelli (Archivio Disarmo - IRIAD) per Città Nuova, sul flusso di armamenti che alimenta il caos generato nella regione dall’intervento militare del 2011.  È prevista per giovedì 19 febbraio l’audizione in Parlamento del...
05/02/2015 - di Adriano Iaria
regolare-il-commercio-delle-armi-si-puo Regolare il commercio delle armi si può. Lo dimostra l’entrata il vigore del trattato sul commercio di Armi (Att). Il trattato, al quale hanno aderito sessantuno stati ai quali si sono aggiunti centotrenta paesi firmatari (tra cui Stati Uniti e...
26/01/2015 - di Emanuele Greco
la-satira-dissacrante-causa-o-pretesto-per-il-terrorismo Meglio della Befana, quanto accaduto il 7 gennaio 2015 ha “spazzato” lo spirito delle festività natalizie, lasciando il posto a sentimenti collettivi diametralmente opposti: tristezza, paura e rabbia. Quel giorno due uomini franco-algerini, mascherati...
21/01/2015 - di Fabrizio Battistelli
dopo-parigi-c-e-una-lezione-sulle-differenze-da-imparare  Raramente accade che una singola vicenda sia, per quanto clamorosa, in grado di rappresentare la sintesi perfetta dei problemi morali e politici che una società deve fronteggiare in riferimento al cruciale aspetto del rapporto con gli “altri”. Questo...
16/01/2015 - di Fabrizio Battistelli
i-fatti-di-charlie-hebdo-scontro-di-civilta-o-insufficienze-della-politica Gli attacchi terroristici che hanno colpito la Francia turbano per due motivi: la violenza che sprigionano e il bersaglio verso cui si dirigono. Al primo aspetto i media ci hanno quasi abituati, più difficile (ma questo è positivo) è metabolizzare il...
28/11/2014 - di Emanuele Greco
e-scoppiata-la-guerra-informatica Negli ultimi tempi, l’attenzione verso le problematiche relative alla sicurezza informatica è aumentata esponenzialmente sia nell’opinione pubblica sia nelle istituzioni. Ciò è dato non tanto dalla reale pericolosità delle operazioni informatiche,...
28/11/2014 - di Emanuele Greco e Daniele Ferretti
presentazione-dell-indagine-conoscitiva-della-commissione-difesa-sull-acquisizione-dei-sistemi-d-arma-italiani  Quali sono i principali programmi di acquisizione dei sistemi d’arma italiani? Chi decide quali comprare? Quale futuro per le Forze armate alla luce dell’attuale contesto geo-strategico? A queste e ad altre domande hanno cercato di rispondere i...
20/11/2014 - di Maurizio Simoncelli
bambini-soldato-e-minori-migranti-a-venticinque-anni-dalla-convenzione-sui-diritti-dell-infanzia Il 20 novembre è la giornata mondiale per i diritti dell'infanzia e dell’adolescenza. Essa celebra l’approvazione dell’omonima Convenzione da parte dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, avvenuta nel 1989. Il documento è il principale strumento...
18/09/2014 - di Emanuele Greco
il-caso-maro-un-pasticcio-all-italiana E’ trascorso ormai parecchio tempo da quando nel 2012 due fucilieri della marina italiana, a seguito della presunta uccisione di due pescatori indiani a largo della costa del Kerala, sono stati arrestati e trattenuti dalle autorità di questo Stato con...
18/09/2014 - di Emanuele Greco
l-italia-all-ican-acation-academy-2014 Dall’11 al 14 settembre, presso alcune delle più belle strutture architettoniche di Berlino come il Rathaus Charlottenburg, si è svolta l’ICAN Action Academy. Di cosa si tratta? Molto più che una semplice scuola, l’evento, organizzato dall’ICAN...
26/07/2014 - di Giulia Palestini
rohani-e-il-dilemma-della-politica-demografica-iraniana Il debutto di Rohani da Presidente dell’Iran ha segnato l’avvio di un nuovo capitolo politico, contrassegnato da un’apertura concreta al sistema internazionale ed in particolare al dialogo con gli Stati Uniti.  È stato eloquente, in tal senso,...
01/07/2014 - di Emanuele Greco
gli-agenti-chimici-siriani-sono-nel-porto-di-gioia-tauro  Partita lo scorso 23 giugno dal porto di Latakia, la nave cargo danese Ark Futura tipo Ro-Ro (di proprietà della compagnia DFDS Seaways) è arrivata al porto di Gioia Tauro (RC), scortata da unità da guerra. Questa trasporta gli agenti chimici più...
18/04/2013 - di Maurizio Simoncelli
le-lobby-delle-armi-usa-e-la-sconfitta-di-obamaNonostante il tentativo del presidente Obama e l’apparente accordo bipartisan al Senato tra democratici e repubblicani per un maggior controllo nella vendita delle armi ai privati negli USA, la National Rifle Association, la potente lobby dell' industria...

 

I contenuti di questo sito, ad eccezione dei "Comunicati stampa", non riflettono necessariamente posizioni ufficiali presenti o passate dell'IRIAD.

APPUNTAMENTI

Maggio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
09:30
Iglesias, Sardegna
Data :  05 05 2018
6
7
Nessuna immagine
17:30
Sala Search, Cagliari, Cagliari, Italia
Data :  07 05 2018
8
9
10:00
Istituto Comprensivo Gramsci, Roma, Italia
Data :  09 05 2018
10
15:30
Sede Archivio Disarmo, Roma, Italia
Data :  10 05 2018
11
12
13
14
15
16:00
Tribunale di Sorveglianza di Roma, Roma, Italia
Data :  15 05 2018
16
17
18
19
20
22
23
10:00
Data :  23 05 2018
24
25
26
27
28
29
30
31

VETRINETTA

Area riservata



Instagram

Utilizziamo cookie e tecnologie analoghe, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza sul nostro sito. Se chiudi questo banner o prosegui la navigazione, senza negare il consenso, approvi l’uso dei cookie.